Sezioni Tematiche

La Società Italiana di Marketing è articolata in sezioni tematiche e territoriali costituite per iniziativa di almeno 5 soci accademici e 5 soci manager.

Le sezioni attivate sono le seguenti.

  1. International Marketing (Prof.ssa Maria Chiarvesio-Prof.ssa Michela Matarazzo)
    approfondisci
  2. Consumer Behaviour (Prof. Matteo Corciolani-Prof. Daniele Scarpi)
    approfondisci
  3. Marketing Communication & Branding (Prof.ssa Federica Ceccotti-Prof.ssa Rossella Gambetti)
    approfondisci
  4. B2B Marketing & Supply Chain Management (Prof. Roberta Bocconcelli- Prof.ssa Chiara Cantù)
    approfondisci
  5. Retailing & Channel Management (Prof. Edoardo Fornari-Prof.ssa Beatrice Luceri)
    approfondisci
  6. Tourism, Culture & Arts Marketing (Prof. Giacomo Del Chiappa-Prof.ssa Fabiola Sfodera)
    approfondisci
  7. Technology & Innovation Marketing (Prof.ssa Eleonora Di Maria-Prof. Michele Smoni)
    approfondisci

  8. Digital Marketing (Prof. Raffaele Donvito-Prof.ssa Milena Viassone)
    approfondisci

  9. Sustainable Marketing (Prof.ssa Laura Michelini-Prof. Carlo Alberto Pratesi)
    approfondisci

  10. Services Marketing (Prof.Roberto Bruni-Prof. Francesco Izzo)
    approfondisci

Approfondimenti:

1. International Marketing

 L’organizzazione e gestione delle attività di marketing in una dimensione internazionale vedono uno spazio di azione che può portare, da un lato, ad enfatizzare la replicazione all’estero delle pratiche sviluppate nell’ambito dei confini nazionali, a prescindere dall’esistenza di differenze di contesto tra paese di origine e di destinazione, che potrebbero, tuttavia, richiedere degli adattamenti; dall’altro a focalizzare l’attenzione sulla gestione su scala internazionale della diversità ambientale attraverso approcci differenziati in ogni singolo contesto-paese. Questo spazio può dare luogo ad una pluralità di strategie, in capo a grandi multinazionali, piuttosto che piccole e medie imprese esportatrici. Temi rilevanti riguardano, ad esempio, le modalità di entrata nei mercati internazionali, la gestione dei canali e della comunicazione internazionale, l’international branding, il ruolo della cultura per le decisioni di marketing internazionale, la country image a il country of origin effect, l’impatto delle tecnologie digitali sul marketing internazionale, la gestione delle relazioni aziendali in chiave internazionale.

In questi ambiti, si promuove un approccio interdisciplinare, che incoraggia lavori che presentano una visione olistica del fenomeno del marketing internazionale e che indagano sulle interdipendenze tra il marketing e le altre attività aziendali (corporate strategy, operations, R&D, etc.).

La sezione di Marketing Internazionale si prefigge di sviluppare questo temi promuovendone gli studi in Italia e all’estero. A questo fine, vuole essere sede del confronto tra i migliori paper nell’ambito del convegno nazionale, motore di iniziative di ricerca e didattiche che coinvolgono più sedi, ma anche favorire sinergie tra ricerca e imprese per lo sviluppo del marketing nell’ambito di un contesto internazionale.

 

 

2. Consumer Behaviour 

I ricercatori di consumer behavior studiano come gli individui, i gruppi o le organizzazioni scelgono, acquistano, consumano e dispongono di beni, servizi, esperienze ed idee, al fine di soddisfare i propri bisogni e obiettivi. In questa sezione, vengono dunque analizzati sia gli atteggiamenti che i comportamenti degli individui nell’ambito delle proprie scelte di acquisto e consumo. Avvalendosi del supporto di teorie e metodi provenienti da diversi ambiti scientifici (es. psicologia, sociologia, statistica, antropologia, neuroscienze, economia, information technology), lo studio del consumer behavior fornisce ai ricercatori e ai manager una grande varietà di approcci e strumenti di analisi (ad esempio, sia metodologie quantitative che qualitative), finalizzati a ottenere una solida base di conoscenze e insight su numerosi aspetti che sono centrali per la formulazione delle strategie di marketing. Tra questi, possono ad esempio essere menzionati i seguenti:

  • Qual è l’impatto delle variabili ambientali, storiche e culturali sui comportamenti di consumo;
  • Qual è il ruolo dei fattori sociali (es. gruppi, comunità, famiglie) nell’interpretazione o previsione dei comportamenti di consumo;
  • Quali sono i processi psicologici attraverso cui i consumatori pensano, ragionano, percepiscono le informazioni, ricordano, formano preferenze e scelgono;
  • Quali sono le emozioni che intervengono nei processi decisionali che riguardano l’acquisto e il consumo;
  • Quali sono le diverse fasi seguite dagli individui nei vari processi di acquisto e consumo;
  • Qual è il ruolo delle variabili di marketing (es. prodotto, marca, prezzo, spazi commerciali, etc.) nell’influenzare il comportamento del consumatore.

 

3. Marketing Communication & Branding

La sezione si propone di ospitare un vivace confronto accademico e manageriale che dia conto delle principali sfide al mondo della marca e della sua comunicazione sullo sfondo di uno scenario competitivo e sociale sempre più complesso, liquido e mutevole. La crisi di tradizionali concetti quali brand equity e fedeltà stanno infatti mettendo a dura prova il sistema di marca, presentando tuttavia nuove opportunità per le imprese che sappiano coltivare la capacità della marca di cocreare valore con i consumatori. Il dibattito della sezione vede come protagoniste le imprese profit e non profit alla ricerca di nuovi paradigmi, i professionisti della comunicazione di marketing spronati verso il cambiamento per sopravvivere e il consumatore, oggi più consapevole, critico e attivo nella determinazione delle sue scelte e sempre più autonomo produttore di contenuti e di significati. La sezione incoraggia la presentazione di contributi multidisciplinari che propongano una riflessione critica sul significato e sul valore che oggi le marche e la comunicazione esprimono. Sono benvenuti lavori concettuali ed empirici, condotti con approcci metodologici qualitativi e/o quantitativi

 

4. B2B Marketing & Supply Chain Management

Le profonde trasformazioni tecnologiche ed economiche in corso continuano ad influenzare profondamente i mercati B2B con conseguenti mutamenti nelle strategie delle imprese che vi operano.

Al Business Marketing si presentano sfide importanti sia dal punto di vista delle pratiche manageriali che dal punto di vista dello sviluppo della disciplina in una prospettiva di crescente integrazione e di un approccio multidisciplinare.

Le ricerche presentate nella sezione B2B Marketing & Supply Chain Management durante gli ultimi convegni evidenziano, in linea da quanto emerge dalla letteratura internazionale, la stretta integrazione tra temi di business marketing e hot topics nei campi dell’innovazione, del trasferimento della conoscenza e della creazione di valore, dell'internazionalizzazione.

Tra gli argomenti di frontiera si segnalano l’impatto delle nuove tecnologie - Industry 4.0, Data analytics, Social Media - e della sostenibilità nell'organizzazione del marketing delle imprese B2B, nelle relazioni diadiche tra imprese e più in generale nella Global Value Chain (GVC). Relazioni tra Marketing e altre funzioni aziendali, processi di servitization in ambito industry 4.0, customer journey & relationship value e ruolo dei Social Media, customer-driven Supply Chain, processi di offshoring e reshoring, sostenibilità e riorganizzazione della catena globale del valore, sono solo alcune delle tematiche a cui il B2B Marketing può efficacemente contribuire.

L’obiettivo della sezione Business Marketing & Supply Chain Management è quello di promuovere il confronto tra studiosi e manager sui nuovi approcci manageriali che potrebbero essere adottati per gestire in modo efficace le relazioni industriali, alla luce dei cambiamenti che abbiamo sopra delineato e con riferimento sistemi di offerta service-oriented.

 

5. Retailing & Channel Management 

 

Il marketing distributivo e le relazioni verticali di filiera affrontano oggi le sfide di mercati sempre più competitivi e di traiettorie tecnologiche sempre meno prevedibili. Se a questo si affianca l’evoluzione dell’ambiente normativo e socio-demografico, si comprende la forte discontinuità in atto che richiede rinnovate pratiche manageriali e nuove prospettive di riflessione teorica.

Il focus della Sezione è, da un lato, l’impresa commerciale che crea valore gestendo le relazioni con il mercato finale e con i produttori industriali e, dall’altro, il go-to-market delle imprese industriali e le strategie di trade marketing. A tematiche più consolidate si affiancano quelle più di frontiera legate all’abbattimento dei confini tra dimensione fisica e digitale.

Aspetti di particolare interesse sono le relazioni industria-distribuzione, le strategie di trade/shopper marketing industriali, le dimensioni della competizione inter-intratype tra i retailers, il fenomeno della multi-omnicanalità, le logiche di supply chain management, i modelli di internazionalizzazione dei distributori, l’evoluzione dei comportamenti di acquisto, le dimensioni della store loyalty e le politiche di CRM, le strategie assortimentali, le politiche di retail branding e le forme di interbrand competition, le scelte di pricing distributivo, l’innovazione e la digitalizzazione degli store format, i driver di sviluppo dell’e-commerce. L’attività della Sezione è aperta agli accademici e ai practitioners interessati a proporre analisi rigorose ed innovative allo scopo di stimolare un ampio dibattito sui risvolti teorici e sulle implicazioni manageriali dei risultati di ricerca ottenuti.

 

6. Tourism, Culture & Arts Marketing

Il turismo, l’arte e la cultura rappresentano asset strategici dell’economia e della società, sia a livello nazionale che internazionale. Questa sezione tematica intende stimolare il dibattito scientifico e manageriale sui temi dell’analisi del comportamento della domanda turistica (nelle sue diverse declinazioni tematiche) e, quindi, sulle strategie di marketing che imprese e intere destinazioni possono attuare, anche come risultato di percorsi di imprenditorialità, per soddisfare i bisogni e le aspettative dei visitatori, stimolarne la fedeltà e rendere memorabili le esperienze vissute. In questa direzione, la sezione tematica intende anche incentivare lo sviluppo di nuova conoscenza in merito alle tematiche del destination marketing e management (network governance, branding, destination smartness, ecc.) e, quindi, all’analisi delle strategie di co-marketing che imprese e organizzazioni possono porre in essere tramite l’attivazione di rapporti di collaborazione orizzontali, verticali e obliqui con l’obiettivo di creare valore a livello economico, socio-culturale e ambientale per i propri stakeholders. Infine, ma non certamente meno importante, l’attenzione è posta all’analisi del contributo di internet e delle nuove tecnologie (robotica, intelligenza artificiale, realtà aumentata e virtuale, big data, ecc.) nella pianificazione e nell’implementazione delle strategie di experience design nel contesto turistico e culturale.

Con l’obiettivo di rendere ancor più visibile la ricerca che nel corso del tempo l’accademia italiana ha prodotto sulle tematiche di riferimento, e con l’obiettivo di favorirne il confronto e l’integrazione con il contesto scientifico internazionale, uno dei propositi chiave di questa sezione è quello di promuovere la partecipazione di studiosi di università straniere, anche allo scopo di incoraggiare la creazione e lo sviluppo di progetti di ricerca transfrontalieri.

 

7. Technology & Innovation Marketing 

La sezione tematica si propone di stimolare la ricerca e accogliere i contributi di tutti gli studiosi che indagano la relazione multidimensionale che lega tecnologia, innovazione e marketing, assumendo due prospettive di analisi: la prima, più strettamente collegata al marketing dell’impresa high-tech; la seconda, maggiormente orientata ad approfondire l’impatto generato dalla diffusione delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione e alle più recenti tecnologie connesse alla quarta rivoluzione industriale sulla funzione marketing.

In particolare, fenomeni recenti quali la diffusione tra le imprese del paradigma dell’open innovation (si pensi ad esempio a forme estreme di open innovation quali il crowdsourcing), l’emergere di nuove tecnologie abilitanti (si pensi per citarne alcune al 3D printing, all’Internet of Things, al Cloud Computing, alla robotica e all’intelligenza artificiale) e il nuovo ruolo assunto dal cliente rispetto ai processi di creazione del valore (si pensi ai modelli della Sharing Economy e al movimento dei makers) stanno producendo un radicale ripensamento delle logiche, degli approcci, dei metodi e degli strumenti di marketing.

La sezione vuole pertanto cogliere la sfida lanciata da uno scenario in fortissimo cambiamento e rappresentare un punto di riferimento e un “luogo” di condivisione di conoscenze circa attività di ricerca che da diversi punti di vista e prospettive teoriche analizzano il Technology and Innovation Marketing.

A titolo meramente indicativo, le domande di ricerca a cui la sezione intende contribuire possono ascriversi a 3 macro-categorie:

- come il marketing sta cambiando in risposta ai cambiamenti della tecnologia;

- come nuovi approcci di marketing stanno cambiando il processo di sviluppo dell’innovazione (in particolare quella di matrice tecnologica) e la sua diffusione sul mercato;

- come le nuove tecnologie e i nuovi modelli di marketing stanno cambiando il ruolo del cliente nei processi di innovazione e di creazione del valore.

 

8.Digital Marketing

L’emergente economia digitale pone una sfida al marketing contemporaneo i cui confini ed ambiti applicativi sono in continua evoluzione.

Il digital marketing - inteso quale integrazione di tecnologie e paradigmi digitali con il marketing - è in grado di fornire agli attori economici la capacità di raggiungere i clienti attraverso la formulazione di approcci innovativi che rispondono in questo modo alle nuove esigenze del mercato. Le imprese sempre di più sono consapevoli dell’importanza di creare una relazione digitale ed omnicanale con il cliente; in effetti le tecnologie digitali, i device ed i touchpoints - come ad esempio smartphone, smart products, IoT, Intelligenza artificiale e deep learning - pongono le basi per significative trasformazioni nella vita dei clienti (business e consumer) in un prossimo futuro.

Obiettivo di questa sezione tematica è quello di comprendere come gli sviluppi nella tecnologia digitale stiano ridisegnando il processo e le strategie di marketing, unitamente a tutte le implicazioni che questa trasformazione comporta sia per le imprese sia per i consumatori. La sezione è pertanto dedicata agli studi teorici ed empirici connessi alla digitalizzazione del marketing sotto il profilo dell’offerta e della domanda con particolare attenzione alle dinamiche di relazione ed integrazione tra i due profili.

Dal punto di vista dell’offerta, sono accolti i contributi volti ad un’analisi scientificamente rigorosa dell’utilizzo delle tecnologie e device digitali per il perseguimento degli obiettivi di marketing, unitamente ai vantaggi che un approccio al marketing digitale è in grado di apportare rispetto ad un’ottica di marketing tradizionale. Dal lato della domanda, si invita la comunità dei ricercatori a contribuire con l’approfondimento dell’impatto delle tecnologie digitali sulle percezioni, le attitudini, la propensione all’utilizzo e relative resistenze e i comportamenti dei consumatori a livello individuale e sociale.

L’attività di questa sezione tematica è aperta agli accademici e ai professionisti che, grazie ad un’analisi in profondità di questi aspetti, contribuiscano a stimolare un ricco dibattito sulle implicazioni teoriche e manageriali derivanti dai risultati della ricerca.

 

9. Sustainable Marketing

I cambiamenti economici, sociali e ambientali, unitamente alle critiche spesso rivolte alla disciplina del marketing in tema di etica, hanno portato le imprese a rivedere negli anni le proprie politiche di mercato. Il nuovo obiettivo è quello di garantire la soddisfazione, anche nel lungo periodo, non solo del singolo consumatore ma di tutta la collettività. In questa prospettiva, si parla di “marketing sostenibile” per intendere un approccio strategico e un set di strumenti che possono essere adottati dalle aziende per conciliare la crescita economica con i vincoli ambientali e la tutela dei diritti dell’uomo.  La track, attraverso la presentazione di ricerche teoriche, empiriche e casi di studio, intende fornire un avanzamento all’applicazione del concetto di sostenibilità ed evidenziare come l’implementazione di strategie di marketing possano fornire un contributo importante allo sviluppo sostenibile. In questo ambito sono sollecitati in particolar modo, ma non esclusivamente, contributi applicati ai diversi settori industriali, sui seguenti temi: CSR e creazione di valore condiviso nelle politiche di marketing; marketing sociale; sostenibilità e scelte di prodotto; green marketing; marketing nelle organizzazioni ibride (imprese sociali, B-corp); comunicazione ambientale. 

 

10. Services

In un lungo processo di evoluzione, gli studi di marketing dei servizi hanno per primi esplorato campi fondamentali del management contemporaneo, dall’importanza delle relazioni con i clienti al ruolo del personale e dell’ambiente (servicescape), alla centralità delle esperienze nella proposizione di valore, ai processi di co-creation. Il progresso delle tecnologie ha fortemente trasformato la trama eterogenea che costituisce la service industry, ma non ha fatto venire meno il carattere identitario di imprese il cui “prodotto” è in larga misura un atto, un’azione, una prestazione, una combinazione di conoscenze e competenze “incorporate” nelle persone, ovvero vendere un’esperienza con la promessa di un risultato.

È l’elemento condiviso da imprese molto differenti, dalle imprese globali della consulenza o della revisione alle aziende a raggio locale che forniscono servizi pubblici, dalle agenzie di pubblicità alle software house, dai piccoli studi di design alle grandi catene alberghiere, dalla sanità alla finanza, ai trasporti. Una varietà di settori che condividono però un approccio al marketing fondato sulla creazione di valore attraverso la interazione personale fra l’impresa e il cliente e che non hanno mai smesso di fornire agli studiosi elementi di innovazione da esplorare e indagare.

L’obiettivo di questa sezione è quello di incoraggiare studi e ricerche in grado di applicare il marketing approach alla progettazione e alla gestione dei servizi con una prospettiva teorico-pratica in grado di coinvolgere manager e studiosi. Ci si propone di accogliere contributi che, nella prospettiva di marketing, propongano lavori di ricerca su: service design, service management, value co-creation, serviscape/context, service innovation, experiential marketing, Transformative Service Research (TSR), social innovation.Si suggerisce di contestualizzare i lavori di ricerca anche tramite casi pratici applicati ai comparti in cui sono coinvolte le imprese e le organizzazioni comprese nello Steering Committee della SIM.

 

 

 

Sede Legale
Facoltà di Economia, Università degli Studi di Parma
Via J.F.Kennedy 6, 43100 Parma
C.F. 93053280504 - P.I. 01718720509

Sede Organizzativa
Sapienza, Università di Roma Via Salaria 113, 00198

© Copyright Società Italiana Marketing 2016

Credits Cone - Powered by